Alienum phaedrum torquatos nec eu, vis detraxit periculis ex, nihil expetendis in mei. Mei an pericula euripidis, hinc partem.

+39 06 692 00 114 | cir@cir-onlus.org

Rifugiati e migranti: 4.715 morti nel Mediterraneo nel 2016 (dati OIM). Frontex: 13.740 arrivi in Italia a novembre

10 dicembre 2016- Il drammatico bilancio dei decessi nel Mediterraneo di migranti e rifugiati che tentano di raggiungere l’Europa via mare è salito a 4.715 dall’inizio dell’anno, stando agli ultimi dati resi noti dall’OIM (lo scorso 4/12). Dall’inizio del 2016  351.080 migranti e rifugiati sono entrati in Europa via mare arrivando in primo luogo in Italia (173.571) e in Grecia (171.875), a fronte degli 883.393 per lo stesso periodo del 2015.

4.715 di migranti e rifugiati morti nel Mediterraneo a partire dall’inizio del 2016 sono 1.148 in più rispetto al già grave bilancio registrato nello stesso periodo dell’anno scorso, quando erano stati segnalati 3.567 decessi al 30 novembre, come riporta una nota ANSA da Ginevra.

Migranti: Frontex, 13.740 arrivi in Italia a novembre

Sono stati 13.740 i migranti arrivati in Italia nel mese di novembre, di cui “la maggior parte cittadini di Nigeria e Guinea”. Lo rende Frontex, osservando che la cifra è “la metà” degli arrivi di ottobre “ma il numero è ancora più di quattro volte maggiore” di quello di novembre 2015, come riporta una nota ANSA da Bruxelles (del 9/12). Il totale dei migranti individuati sulla rotta del Mediterraneo centrale nei primi 11 mesi dell’anno sale quindi a 173.000, “circa un quinto in più dello stesso periodo del 2015”. A novembre, indica Frontex, “anche quando il meteo è peggiorato vicino alla costa libica, i trafficanti di esseri umani hanno continuato a costringere grandi gruppi di migranti a mettersi in mare su imbarcazioni non adatte, mettendoli in grave pericolo”.

Nella rotta dell’Egeo i migranti (per lo più siriani, afghani e iracheni) arrivati sulle isole greche a novembre sono stato 1.950, con una “riduzione del 42% rispetto a ottobre” e con un totale per i primi 11 mesi di 173.200, dei quali però “la maggior parte tra gennaio e marzo”, ovvero prima dell’accordo Ue-Turchia. Sulla rotta dei Balcani occidentali a novembre sono stati “circa 1.130” i passaggi di frontiera illegali, pari a “meno dell’1% dei numeri dello scorso anno nello stesso periodo”.

Leggi tutto su:

http://frontex.europa.eu/news/italy-remained-under-migratory-pressure-in-november-WeeHRo