MSNA

Strengthening guardianship system in Sicily and legal information at the northeast border
Ente finanziatore:
UNHCR
Durata progetto: 01/01/2020 – 31/12/2020  
Budget totale: 144.000 euro 
Obiettivo: Rafforzare la protezione dei MSNA, anche attraverso attività di coordinamento a livello regionale con i principali attori del sistema e il rafforzamento delle loro competenze e il consolidamento del sistema della tutela volontaria in Sicilia. Fornire orientamento legale ai minori stranieri, inclusi i MSNA, e agli adulti in arrivo dalla Rotta Balcanica attraverso attività di informativa in frontiera e in aree strategiche di transito dei migranti.

Attività in Friuli Venezia Giulia:

1) Informativa legale a richiedenti asilo e migranti, compresi i MSNA, in luoghi di transito (Stazione ferroviaria di Trieste). Al 30.06.2020 sono stati informati 46 migranti, di cui 30 adulti e 7 minori accompagnati (2 nuclei familiari iracheni), 9 MSNA, provenienti principalmente da Iraq, Afghanistan, Pakistan e Iran. Prevediamo l’avvio di attività di orientamento legale presso il valico di frontiera terreste di Fernetti, (protocollo in fase di sottoscrizione con la Prefettura di Trieste, la Questura di Trieste e la Polizia di Frontiera).

2) Informativa legale rivolta ai MSNA rintracciati sui territori di Trieste e Gorizia attraverso sessioni informative a piccoli gruppi a seguito del periodo di quarantena. L’informativa viene condotta anche per mezzo di una brochure plurilingue corredata da illustrazioni originali . Al 30.06.2020 sono stati informati 107 MSNA, provenienti soprattutto da Afghanistan, Pakistan ed Egitto. Per i minori ancora sottoposti a misure di quarantena è stato elaborato apposito materiale audio plurilingue distribuito alle comunità.

3) Nel periodo di lockdown, sono state elaborate delle note legali dirette alle comunità per orientarle nel periodo di maggiore emergenza rispetto ai rapporti con la PA nei procedimenti di tutela dei MSNA.

4) Promozione di un network transfrontaliero in essere (cd Crosiit) che coinvolge UNHCR e organizzazioni no profit in Italia, Slovenia, Croazia per il monitoraggio delle condizioni dei migranti lungo la Rotta Balcanica e la realizzazione di attività congiunte; Attività partecipativa con gli studenti del Collegio del Mondo Unito di Duino e i MSNA ospitati nei centri per uno scambio culturale e l’elaborazione di materiale sui paesi di origine (in fase di sistematizzazione). 

5) Sessioni formative: ad oggi sono stati condotti, in collaborazione con i colleghi della Sicilia, due incontri congiunti sull’incidenza dal punto di vista legale e psicosociale dell’emergenza Covid-19 sui MSNA.

Attività in Sicilia

1) Coordinamento con attori chiave del sistema di tutela dei Minori. Sarà realizzato un incontro con e tra i quattro presidenti dei tribunali per i minorenni della Sicilia. 

2) Attività di Capacity Building: Realizzazione di attività di scambio tra tutori volontari con approccio peer-to-peer (gruppi di supporto fra pari allo scopo di ridurre il senso di solitudine dei tutori, offrire uno spazio di contenimento emotivo e favorire, ove necessario, lo scambio di esperienze e buone prassi con un sostegno tecnico). Questa modalità di supporto è stata codificata in un rapporto a firma CIR, UNHCR, UNICEF e Centro Penc contenente anche raccomandazioni ai principali attori. Quest’anno, oltre a ripresentare l’attività a Catania, sono stati avviati nuovi percorsi a Messina e Agrigento. Ad oggi sono stati condotti 9 incontri che hanno coinvolto un totale di 22 tutori. 

3) E’ stata avviata una proficua collaborazione con la Legal Clinic del Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Catania per fornire un servizio di consulenza ulteriore ai tutori volontari in Sicilia. I clinici si sono impegnati nella risoluzione di casi studio dai quali sono state tratte delle FAQ (in fase di finalizzazione) che saranno distribuite ai tutori come ulteriore strumento di supporto. 

4) Organizzazione di incontri di refresh per tutori. Ad oggi sono stati organizzati due incontri su 5 in collaborazione con il FVG (vedi sopra).

Xing-Crossing.  Percorsi di inserimento per giovani migranti
Ente finanziatore: Fondazione Cariplo
Durata progetto:  dal 3/04/2019 al 2/04/2021
Capofila: Programma Integra Società Cooperativa a.r.l.
Partner: CIR, Associazione Save the Children Italia, Centro Astalli, Civico Zero Società Cooperativa Sociale onlus, Prospettiva Futuro Società Cooperativa Sociale a.r.l., Esserci Società Cooperativa Sociale a.r.l., Città di Torino
Budget totale CIR:  € 68.445, 40
Descrizione sintetica del progetto:  il progetto mira all’assistenza  e all’inserimento linguistico, formativo e socio-lavorativo di minori stranieri non accompagnati e neomaggiorenni (17-21 anni) sui territori di Torino, Roma e Catania attraverso un sistema multidisciplinare di presa in carico.
Attività e Azioni  realizzate:  le attività di progetto in carico al CIR sono:
orientamento socio-professionale (solo Roma): compilazione di bilancio delle competenze e career plan. Indicatore da raggiungere: 50; indicatore raggiunto: 15
orientamento abitativo: diffusione di un’informativa generale sul tema dell’abitare e del mercato immobiliare dei singoli territori; assistenza individuale e/o di gruppo ai beneficiari sul loro percorso di autonomia abitativa.
Indicatore da raggiungere su ciascun territorio: 50; indicatore raggiunto: 25 tra incontri individuali e di gruppo (Roma) ; 11 beneficiari + in preparazione il 1° incontro di gruppo con il supporto dell’ufficio territoriale del SUNIA (Catania)
co-housing: esperienze virtuose di convivenza attraverso l’erogazione di doti abitative (€ 1500,00 ciascuna).
Indicatore da raggiungere: erogazione di 5 doti su ciascun territorio; indicatore raggiunto: in corso di erogazione 2 doti (Roma); già erogate 2 doti + in corso di erogazione 2 doti (Catania)
coaching (solo Catania): supporto e supervisione dei beneficiari nei loro percorsi di autonomia professionale.
Indicatore da raggiungere: 10; indicatore raggiunto: 3
comunicazione: regolare invio di notizie su avanzamento e buone prassi. Già inviate due notizie poi diffuse sulle varie piattaforme social.