Alienum phaedrum torquatos nec eu, vis detraxit periculis ex, nihil expetendis in mei. Mei an pericula euripidis, hinc partem.

L’Assemblea del CIR nomina Sandra Zampa vicepresidente del Consiglio scientifico e strategico

Roma, 12 luglio 2018 – Il Presidente del Consiglio Italiano per i Rifugiati (CIR), Roberto Zaccaria, comunica che, dopo la nomina di Mario Morcone a Direttore del CIR, l’Assemblea dello stesso organismo, nella seduta del 26 giugno 2018, ha nominato Sandra Zampa, membro e vice presidente del Consiglio scientifico e strategico dell’associazione. 

Zampa è stata la firmataria di una delle più importanti leggi della scorsa legislatura, quella sui minori stranieri non accompagnati (L.n.47 del 2017) che ha segnato una svolta nella tutela di queste persone, ponendo l’Italia all’avanguardia in questo campo.

Sandra Zampa è anche Consulente Giuridico esperto in Diritti Umani dell’Infanzia e dell’Adolescenza  del Comitato Interministeriale per i Diritti Umani (CIDU)

È stata deputata nella XVI e XVII Legislatura, Vicepresidente della Commissione Bicamerale per l’Infanzia e l’Adolescenza e membro della delegazione parlamentare italiana al Consiglio d’Europa

Promotrice dell’indagine conoscitiva sul disagio e sulla povertà̀ minorile, è stata relatrice nel 2014 presso la Commissione Bicamerale Infanzia e Adolescenza del documento conclusivo. È stata relatrice del documento conclusivo dell’indagine conoscitiva sui minori fuori famiglia licenziato dalla Commissione Bicamerale Infanzia e Adolescenza nel gennaio 2018. Grazie a un emendamento a sua prima firma è stato istituito con la legge di bilancio 2017 un Fondo sperimentale destinato ai neo maggiorenni fuori famiglia. Sempre nella legge di bilancio 2017 ha presentato un emendamento che introduce un “sistema di parametri e indicatori territoriali misurabili” tali da permettere la individuazione di aree di intervento prioritarie per contrastare la povertà̀ educativa minorile. 

In precedenza Sandra Zampa è stata Responsabile stampa e comunicazione nel Governo presieduto da Romano Prodi. 

È giornalista professionista ed è stata ricercatrice in Storia Contemporanea. Ha pubblicato numerosi articoli e saggi.