Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente.

Pietro Scoppola

scoppolaProfilo di Pietro Scoppola, Presidente del CIR dal febbraio al dicembre 1990

25 ottobre 2007- Il Direttore del CIR Christopher Hein, a nome del Comitato Direttivo, dell’Assemblea e dello staff CIR, esprime cordoglio per la scomparsa di Pietro Scoppola, illustre storico e primo Presidente del CIR.

Il 20 febbraio 1990: dopo  mesi di discussione con un vasto numero di organizzazioni e enti italiani e avendo predisposto lo Statuto dell’associazione, viene formalmente costituito il Consiglio Italiano per i Rifugiati come associazione non riconosciuta ai sensi dell’art.37 del Preambolo del Codice Civile. Come primo Presidente del CIR viene eletto Pietro Scoppola; alla vicepresidenza viene eletto Maurizio Fiorilli. Christopher Hein e Laura Carugno, anch’essa ex funzionario dell’UNHCR, assumono la Direzione.

I soci fondatori sono: ACLI, AWR, Federazione delle Chiese Evangeliche, Fondazione Franco Verga, CGIL, CISL, UIL, Amnesty International, Caritas Italiana, Comunità di S. Egidio e Fondazione Migrantes. 

Il 30 marzo 1990: il Decreto Legge viene convertito con modifiche nella legge n.39/90, la cosiddetta “Legge Martelli”.    

Nel dicembre 1990: il prof. Scoppola lascia la Presidenza del CIR per motivi di incompatibilità con i suoi impegni politici.

NOTA BIOGRAFICA- Pietro Scoppola è professore ordinario di storia contemporanea nella Facoltà di scienze politiche dell'Università di Roma "La Sapienza". E' stato direttore della rivista "Il Mulino" e collabora a giornali e riviste. Nella IX legislatura è stato eletto senatore, come indipendente, nelle liste della D.C. e ha fatto parte della commissione Bozzi per le riforme istituzionali. Fa parte della Commissione nazionale dell' UNESCO e della Giunta centrale per gli studi storici. (tratto da: RAIEDUCATIONAL).

 

Seguici anche su
FB twitter youtube