Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente.

Richieste d’asilo: in Italia nel 2016 presentate 123 mila domande

2 febbraio 2017 - E' continua la crescita delle domande di asilo in Italia: dalle 26mila del 2013 si è passati alle 64mila del 2014, alle 83mila del 2015 fino alle 123mila del 2016. Ed i dati di gennaio 2017 indicano un ulteriore aumento del 41% rispetto allo stesso mese dell'anno precedente: questi i principali  dati forniti dal prefetto Angelo Trovato, presidente della Commissione nazionale per il diritto di asilo, durante l’audizione alla Commissione parlamentare d'inchiesta sui migranti.

Caratteristiche dei richiedenti asilo - Delle 123.600 domande di asilo del 2016 (+47% rispetto al 2015), 11.656 sono state presentate da minori. La grande maggioranza delle richieste (105mila) è arrivata da uomini. La Nigeria è la nazione più rappresentata ,con 27mila richieste. Esame delle richieste -  A conclusione dell’iter, lo status di rifugiato è stato concesso per il 5% delle domande esaminate; al 14% è stata assegnata la protezione sussidiaria, al 21% quella umanitaria e nel 56% dei casi c'è stato il diniego.

Commissioni - A gestire questo grande numero di istanze sono 20 le Commissioni territoriali per l'asilo, cui si aggiungono 28 sezioni, sei delle quali con presidente a tempo pieno. Ciascuna Commissione costa 314mila euro all'anno. Tempi - I tempi medi di esame delle richieste nel periodo 2014-2016 sono stati di 257 giorni, con una tendenza all'accelerazione. Si è infatti passati dai 347 giorni del 2014 ai 261 del 2015 ai 163 del 2016. "Siamo - ha spiegato il prefetto - il secondo Paese europeo, dopo la Germania, per numero di pratiche esaminate".

Ricorsi - Quanto ai ricorsi contro il diniego dello status, dal 2014 al 2016 ne sono stati sottoscritti 53mila, il 18% definiti (70% accolti) e l'81% pendenti.

Gennaio 2017 - Sull'esame delle richieste, ha rilevato Trovato, "si stanno accentuando i problemi, dovuti soprattutto alla necessaria presenza di uomini delle forze di polizia, che sono oberati da altri impegni. E così invece di fare 4-5 audizioni al giorno, si è scesi a 3. Nel 2017 si è registrato un calo del 10% delle domande esaminate e ciò è preoccupante". Il prefetto ha parlando di un sistema "in sofferenza", con le Commissioni che stanno avendo problemi a esaminare un quantitativo così alto di richieste. Non a caso i dati di gennaio 2017 indicano 5.600 domande esaminate, l'11% in meno rispetto al gennaio 2016.  A gennaio sono arrivate 4.504 persone via mare, di cui 395 minori non accompagnati. Ed in tanti fanno domanda di protezione in Italia. (ANSA)

Seguici anche su
FB twitter youtube