Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente.

Boom di migranti diventati italiani: 178mila cittadinanze solo nel 2016

Roma, 22 aprile 2017 - In un anno concesse 178mila cittadinanze, record UE. L'articolo di Dino Martirano per il Corriere.it

Collaborazione stretta del governo Gentiloni con le autorità di Tripoli (a giugno l’Italia consegnerà 10 motovedette alla Guardia costiera libica) per provare ad arginare gli arrivi dei migranti nel Mediterraneo che, nei primi 3 mesi e mezzo del 2017, hanno raggiunto quota 42.974 (36.703 sbarcati sulle coste italiane): secondo l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim), sono già 962 i morti in mare dal 1° gennaio al 19 aprile. Ed Eurostat conferma che nel 2015 l’Italia ha anche stabilito il record nella Ue per la concessione della cittadinanza ai migranti provenienti da altri continenti e da altri Paesi europei: nel 2014 i neocittadini italiani sono stati 129.887 e poi nel 2015 la cittadinanza si è aperta per 178.035 stranieri mentre il dato scendeva in tutta l’Unione.

Il blog

In questo quadro, di estrema complessità della gestione dei flussi migratori, s’inserisce il blog di Beppe Grillo che sferra un attacco alle Organizzazioni non governative (Ong) impegnate nel Mediterraneo: «Più di 8 mila sbarchi in 3 giorni, l’oscuro ruolo delle Ong private... le cui navi soccorrono in mare i migranti sistemandosi al limite delle acque territoriali libiche...». Secondo i grillini, «dietro gli arrivi di massa degli ultimi giorni potrebbe esserci una regia... e a dirlo non è il M5S, bensì anche un’inchiesta della Procura di Catania».

La replica

Dal Canada arriva la replica del presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, che ha affrontato il tema immigrazione anche nel faccia a faccia di giovedì con il presidente Usa Donald Trump: «Rapporti Ong trafficanti? Noi dobbiamo tutti guardare con rispetto alle organizzazioni non governative che svolgono compiti umanitari, se poi la magistratura dimostrerà che in alcuni casi ci sono stati contatti che non dovrebbero esserci è tutta un’altra storia. Ma non vorrei che tutto questo gettasse ombra sul lavoro delle Ong che noi dobbiamo solo apprezzare».

L’addestramento

Il governo Gentiloni continua a puntare sui controlli nelle acque territoriali libiche. Alla scuola nautica della Guardia di Finanza di Gaeta, alla presenza del ministro dell’Interno Marco Minniti, si è concluso il corso di addestramento degli equipaggi della Guardia costiera libica. Ma lo «scenario generale è di estrema difficoltà», ha ammesso il comandante generale delle Fiamme gialle, Giorgio Toschi, e i frutti del lavoro svolto in cooperazione con altri Stati «potranno essere valutati solo nel medio lungo periodo».

Lo Ius soli

Al Senato, infine, è ferma in commissione la legge sullo Ius soli temperato. E ora i dati sulla cittadinanza offrono a Forza Italia e alla Lega un’occasione per chiedere l’archiviazione del testo spinto dal Pd, Sinistra italiana e M5S: «I dati di Eurostat, dice Andrea Mandelli di FI, dimostrano che lo Ius soli è una legge sbagliata». Nel 2015 l’Italia è prima nella concessione della cittadinanza (178.035 stranieri), seguita da Gran Bretagna (118 mila), Spagna (114.351), Francia (113.608) e Germania (110.128). In realtà, nella Ue, i numeri della cittadinanza acquisita sono in calo: 840 mila nel 2015, 890 mila nel 2014, 980 mila nel 2013. Dal 2010 a 5 milioni di persone (l’87% extracomunitario) è stata concessa la cittadinanza.

Fonte - Corriere.it

Seguici anche su
FB twitter youtube