Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente.

Dove vanno le nuvole, quattro storie di integrazione

Roma, 28 aprile 2017 - Andrà in onda a maggio su Sky Arte HD (canali 120 e 400 di Sky) il documentario Dove vanno le nuvole di Massimo Ferrari, quattro modelli di accoglienza e integrazione, da Treviso a Riace, passando attraverso Bologna e Padova, il film racconta le storie e le esperienze di chi ha avuto il coraggio di provare a trasformare la paura in opportunità costruendo modelli di convivenza sorprendenti.

Le storie sono queste: Domenico Lucano, sindaco di Riace, considerato da 'Fortune' uno dei 50 uomini più influenti al mondo per il lavoro svolto nel suo paese con i migranti (ad oggi 1/3 della popolazione), ha tradotto in pratica quella che a molti poteva apparire solo un’utopia, tanto che oggi la maggior parte dei riacesi lavora proprio grazie ai migranti. Antonio, professore di Storia e Filosofia di Treviso, è stato il primo a decidere insieme alla propria famiglia di accogliere 6 rifugiati in casa e per questo è stato insignito con l’Onorificenza di Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana. Maurizio, presidente della Cooperativa Case a Colori di Padova, ha accostato in un unico progetto turisti, migranti e persone in emergenza abitativa che convivono oltre a collaborare ad attività di interesse sociale per il territorio. Infine c'è la creativa e solare esperienza teatrale dei Cantieri Meticci di Bologna in cui si incontrano mondi e culture attraverso l’arte del teatro.

"Il documentario prende la strada che non avremmo mai sospettato all’inizio - scrive il regista Massimo Ferrari - ma che ora ci sembra la sola possibile: un sindaco calabrese, un imprenditore padovano, un professore trevigiano, un regista bolognese si incontrano, a volte senza saperlo nemmeno, in un percorso singolare eppure collettivo, di scelte che forse non cambiano il mondo, ma cambiano i loro mondi e quelli delle persone che accolgono. Quattro mulini a vento in funzione mentre continuano ad erigersi muri".

 

Fonte cinecittà.com 

Seguici anche su
FB twitter youtube