Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente.

ENS, #LockedInLimbo: come l'Europa può fermare la detenzione arbitraria di persone apolidi

Roma, 4 maggio 2017 - Presentato oggi a Budapest il nuovo report  comparativo a cura della Rete Europea sull'Apolidia (ENS- European Network on Statelessness) dal titolo  "Protecting Stateless Persons from Arbitrary Detention: An Agenda for Change".

In occasione della presentazione del report, utile ad un'azione di advocacy europea finlizzata a proteggere le persone apolidi dalla detenzione arbitraria, è stata lanciata online la campagna #LockedInLimbo e diffusa la dichiarazione sottoscritta dalle principali organizzazioni internazionali, avvocati e accademici di 30 Paesi europei.

Il CIR - Consiglio Italiano per i Rifugiati, parte della Rete Europea e da sempre impegnato nella tutela dei diritti delle persone apolidi e nella conoscenza del fenomeno, ha sottoscritto la dichiarazione mirata a promuovere cambiamenti legislativi in tema di apolidia.

La dichiarazione sarà posta all'attenzione dei governi nazionali sottolineando come in Europea si stia consolidando un'opinione comune che vede nella detenzione arbitraria di persone apolidi uno strumento pericoloso e, in molti casi, illegale. 

Per consultare il report, clicca qui

Per sostenere la campagna online usa l'hashtag #LOCKEDINLIMBO

Seguici anche su
FB twitter youtube