Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente.

CIR Rifugiati, al via la quarta edizione del concorso di cortometraggi sul diritto d’asilo "Fammi vedere"

Roma, 1 giugno 2017 - Il Consiglio Italiano per i Rifugiati (CIR) promuove per il 2017 la quarta edizione del concorso Fammi vedere per cortometraggi sul diritto d’asilo.

Il bando è rivolto a tutti coloro che intendono raccontare, con linguaggio cinematografico, il complesso mondo dei richiedenti asilo e dei rifugiati.E’ particolarmente importante la partecipazione e il coinvolgimento dei giovani e delle scuole di cinema che spesso riescono ad offrire un diverso e originale punto di vista.

I cortometraggi, della durata massima di 120 secondi, dovranno essere inviati entro il 15 ottobre 2017.

Ad aggiudicarsi il podio, nella scorsa edizione, sono stati: Massimo Cerbera con Omar, Giulia Tata con Fireworks e A. Sipolo e D. Ganke con Orizzonti. Nel 2016, Hermes Mangialardo, già vincitore dell’edizione 2015, ha presentato fuori concorso l’emozionante cortometraggio Teddy Bear utilizzato come spot della campagna di raccolta fondi del CIR di quest’anno.

La giuria

L'iniziativa è sostenuta da personalità del mondo della cultura e dello spettacolo che faranno parte della giuria e potranno presentare, fuori concorso, dei contributi sul tema del diritto d'asilo. La giuria è composta da: Laura Delli Colli (presidente), Rachid Benajd, Carlo Brancaleoni, Ninni Bruschetta, Valerio Cataldi, Teresa Cavina, Adriano Coni, Pino Corrias, Silvia Costa, Enzo D’Alò, Gian Mario Gillio, Monica Guerritore, Gabriele Lavia, Giancarlo Loffarelli, Luca Lucini, Hermes Mangialardo, Mario Morcone, Mimma Nocelli, Pasquale Scimeca, Ivan Silvestrini, Walter Veltroni. Sono membri della giuria in rappresentanza del CIR, Roberto Zaccaria, Antonella De Donato, Mario Degasperi e Barbara Domeneghetti. Potranno essere eventualmente chiamati a integrare la Giuria esponenti del mondo dei rifugiati, delle associazioni, dei media e del mondo scolastico.

I premi in palio

I tre corti vincitori del concorso otterranno rispettivamente un premio di 1.000/500/300 euro. La premiazione avrà luogo in una serata di raccolta fondi che si terrà entro la fine dell’anno 2017 a Roma. Lo scorso anno la serata ha avuto grande successo e ha visto la partecipazione di oltre 200 persone. Il CIR inserirà i cortometraggi finalisti sul proprio canale e si riserva di adottare i cortometraggi vincitori del concorso per le proprie campagne di comunicazione sociale e di raccolta fondi sui mezzi radiotelevisivi.

Sponsor

Il CIR propone ad enti e istituzioni interessate di partecipare all’iniziativa con un concorso alle spese per i premi e per l’organizzazione. I sostenitori saranno menzionati nel bando ed in ogni comunicazione attinente al concorso e saranno invitati alla serata finale per consegnare i premi ai vincitori.

Per consultare il bando 2017, clicca qui

Per compilare la liberatoria, qui

Edizione 2016

Seguici anche su
FB twitter youtube