Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente.

Progetto "Ordinaria Integrazione"

Progetto “Ordinaria Integrazione”

co-finanziato dal Fondo Europeo per i Rifugiati - Programma Annuale - 2013 - Azione 1.

ordinaria integrazione

Il progetto ORDINARIA INTEGRAZIONE finanziato dal Fondo Europeo per i Rifugiati Annualità 2013, si pone l’obiettivo di favorire percorsi di integrazione socio-economica di titolari di protezione internazionale che abbiano già ricevuto servizi base di accoglienza. Il progetto prevede di creare un ponte verso la piena autonomia di un minimo di 70 titolari di protezione internazionale in uscita dai centri d’accoglienza del Comune di Roma. Gli ambiti di intervento riguardano l’apprendimento linguistico, la formazione e riqualificazione professionale, l’inserimento lavorativo, l’ inserimento abitativo, la tutela legale e della salute.

Seguendo una logica di integrazione tra servizi, settori ed expertise, al progetto partecipano il CIR, nel ruolo di capofila, la Cooperativa Programma Integra onlus, il Dipartimento Promozione dei Servizi Sociali e della Salute e il Dipartimento Sviluppo Economico e Attività Produttive Formazione e Lavoro di Roma Capitale.

Questa partnership fra attori pubblici e privati nasce dall’esigenza di elaborare un modello territoriale di integrazione che cerchi di rispondere in modo esaustivo ai bisogni complessi e articolati dei titolari di protezione internazionale e garantisca una maggiore sostenibilità dei percorsi d’integrazione.

Il progetto prevede azioni per favorire l’incontro tra domanda e offerta in ambito immobiliare oltre a contributi a sostegno della locazione, l’attivazione di due corsi di formazione professionale in ambito alberghiero e nella manutenzione delle aree verdi, un corso di lingua italiana, l’attivazione di tirocini formativi propedeutici all’inserimento lavorativo e misure alternative di sostegno all’occupazione. Per 5 titolari di protezione internazionale è stato avviato un percorso sperimentale di validazione delle competenze professionali pregresse. Inoltre, è stata riservata attenzione a misure a sostegno dell’integrazione socio-culturale.

Il progetto iniziato il primo maggio del 2014 terminerà a giugno del 2015.