Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente.

Cosa puoi fare nel caso in cui tu non sia d’accordo con la decisione presa nei tuoi confronti?

È possibile presentare ricorso entro 15 o 30 giorni (15 giorni  nel caso in cui, per legge, durante la procedura ti è stato richiesto di risiedere in un CIE o in un CARA.

Hai 30 giorni di tempo in tutti gli altri casi o se sei ospite del CARA per motivi legati all’accoglienza) dalla data in cui la decisione ti è stata comunicata. Per fare ciò è necessaria l’assistenza di un avvocato. Se non puoi pagare le spese legali, hai il diritto di richiedere il “gratuito patrocinio”, cioè che il tuo avvocato sia pagato dallo Stato.

Presentare ricorso entro i termini stabiliti è di fondamentale importanza! Dopo la loro scadenza la decisione nei tuoi confronti diventerà definitiva e non avrai più la possibilità di chiederne la revisione. Per questo motivo ti consigliamo di rivolgerti a un avvocato o a una ONG non appena verrai a conoscenza della decisione della Commissione!

La presentazione del ricorso nella maggior parte dei casi sospende automaticamente l’ordine di lasciare l’Italia il che significa che mentre il ricorso va avanti puoi continuare a vivere nel Paese.

La sospensione automatica dell’ordine di lasciare il Paese non avviene in modo automatico e deve essere fatta una specifica richiesta al giudice nei seguenti casi:

  1. Durante la procedura sei stato trattenuto in CIE.
  2. Durante la procedura hai avuto l’obbligo di risiedere in un CARA perché ti hanno fermato in condizioni di soggiorno irregolare o per avere evitato o tentato di evitare i controlli alla frontiera.
  3. La tua domanda ha ricevuto una risposta negativa per “manifesta infondatezza”.
  4. Ti sei allontanato senza giustificato motivo dal CARA.
  5. La tua domanda di asilo è stata dichiarata inammissibile.
Seguici anche su
FB twitter youtube