Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente.

LAVORO

lavoroSono un richiedente asilo, posso lavorare?

Hai diritto a lavorare se la decisione sulla tua domanda d’asilo non è stata presa entro 6 mesi dalla presentazione della domanda di protezione e se il ritardo non è attribuibile a te. In questo caso, il permesso di soggiorno per “richiesta d’asilo” viene rinnovato per 6 mesi e consente di svolgere attività lavorativa fino alla conclusione della procedura.

E’ importante sottolineare che il permesso di soggiorno per “richiesta d’asilo” non può essere convertito in permesso di soggiorno per motivi di lavoro.

Sono un ricorrente, posso lavorare?

In caso di ricorso contro il diniego della protezione internazionale, il ricorrente che viene autorizzato a soggiornare (LINK??) sul territorio nazionale ha diritto a lavorare dopo 6 mesi dalla presentazione della domanda d’asilo.  

Sono un rifugiato o una persona in protezione sussidiaria, posso lavorare?

Se sei un rifugiato o una persona in protezione sussidiaria rispetto al lavoro subordinato, lavoro autonomo, iscrizione agli albi professionali, alla formazione professionale e al tirocinio sul luogo di lavoro, hai gli stessi diritti dei cittadini italiani.

Per quanto riguarda l’accesso al pubblico impiego, solamente ai rifugiati si applicano le stesse modalità previste per i cittadini comunitari (art. 25 D.lgs 19 novembre 2007, n. 251)

Sono una persone con protezione umanitaria, posso lavorare?

Se hai la protezione umanitaria hai il diritto di svolgere attività lavorativa in forma autonomo o subordinata. Ricordati che puoi convertire il tuo permesso di soggiorno in permesso di soggiorno per lavoro. Devi però tenere presente che dopo la conversione ti verrà richiesto per il rinnovo il possesso del passaporto.  

I richiedenti asilo, i rifugiati e le persone in protezione sussidiaria e umanitaria autorizzati a svolgere attività lavorativa, sono esonerati dall’obbligo di stipulare il contratto di soggiorno, salvo la volontà di convertire il permesso di soggiorno in motivi di “lavoro subordinato”.

 

Fonti Legali:

  • Dec. Leg. no. 251, 19 noviembre 2007, Art. 25
  • Dec. Leg. no . 140, 30 maggio 2005, Art. 11

 

 

Seguici anche su
FB twitter youtube