Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente.

RICONGIUNGIMENTO

ricongiungimenti-familiariSono un rifugiato, sono una persona in protezione sussidiaria, posso richiedere il ricongiungimento con la mia famiglia? E come?

Se sei un rifugiato o una persona in protezione sussidiaria hai diritto a richiedere il ricongiungimento con la tua famiglia.

 

Sono esclusi dalla possibilità di richiedere il ricongiungimento familiare i richiedenti asilo, le persone con protezione temporanea o con protezione umanitaria.

Con chi posso richiedere il ricongiungimento?

Puoi ricongiungerti con:

  • Il coniuge maggiorenne;
  • i figli minori di 18 anni (anche del coniuge o nati fuori del matrimonio) non sposati. A condizione che l’altro genitore, qualora esistente, abbia dato il suo consenso;
  • i figli maggiorenni se invalidi totali a carico;
  • i genitori a carico qualora non abbiano altri figli nel Paese di origine o di provenienza;
  • i genitori oltre 65 anni di età qualora gli altri figli siano impossibilitati al loro sostentamento per documentati motivi di salute. Per i genitori di 65 anni è obbligatoria la stipula di una assicurazione sanitaria o l’iscrizione al SSN previo pagamento di un contributo.

Come posso richiedere il ricongiungimento?

Ci sono 2 passi da compiere per far venire la tua famiglia:

  1. 1.richiesta di NULLA OSTA, da presentare allo Sportello unico;
  2. 2.richiesta di visto per ricongiungimento familiare da presentare, una volta ottenuto il nulla osta, dai tuoi familiari nel Paese di origine o transito.

1.        RICHIEDERE IL NULLA OSTA:

 

QUALI SONO I DOCUMENTI RICHIESTI?

  • n. 1 marca da bollo telematica di € 14,62 oppure originale della ricevuta di versamento dell’imposta; gli estremi devono essere indicati nella domanda e la marca oppure l’originale della ricevuta di versamento dovrà essere portata al Sportello Unico alla convocazione;
  • 1 fotocopia del Permesso di Soggiorno o ricevuta postale di richiesta di rilascio/rinnovo del Permesso di Soggiorno se scaduto;
  • 1 fotocopia delle pagine del documento di viaggio, titolo di viaggio o del passaporto, in corso di validità del richiedente. Le fotocopie devono essere delle pagine relative ai dati anagrafici, data di rilascio e scadenza;
  • 1 fotocopia delle pagine del documento di viaggio, titolo di viaggio o del passaporto relative ai dati anagrafici, data di rilascio e scadenza, in corso di validità, del/dei familiare/i con cui si richiede il ricongiungimento. Questo non è un requisito obbligatorio ma preferibile per la correttezza dei dati anagrafici dei familiari;
  • certificato cumulativo di stato di famiglia e residenza (anche sotto forma di autocertificazione)
  • nel caso in cui il richiedente abbia già ottenuto precedenti nullaosta, copia del permesso di soggiorno oppure, se scaduto, ricevuta richiesta rinnovo postale, dei familiari già ricongiunti.

Se hai la protezione sussidiaria, sei equiparato al rifugiato.

DOVE PRESENTARE LA DOMANDA?

Devi presentare la domanda presso lo Sportello Unico della città dove risiedi attraverso INTERNET. Per presentare questa domanda puoi fartiaiutare, e ti consigliamo di chiedere assistenza, nella compilazione da associazioni autorizzate o dai Patronati (può trovare un elenco di questi a http://bit.ly/SbwW2f

Lo Sportello Unico rilascia la ricevuta della domanda e della documentazione presentata.

Lo Sportello Unico chiede il parere della Questura sull'esistenza di motivi che impediscono l'ingresso dei familiari in Italia per i quali e' richiesto il ricongiungimento; i motivi ostativi (ostacoli) sono limitati al caso di pericolo per l'ordine pubblico o per la sicurezza dello Stato o di altro Stato dell'Area Schengen da parte dei familiari da ricongiungere.

Se non ci sono impedimenti e/o richieste di integrazioni documentali, lo Sportello Unico completa il fascicolo (istruttoria) e procede entro 180 giorni al rilascio del Nulla Osta.

Ottenuto il Nulla Osta, devi inviarlo in originale al familiare da ricongiungere che deve presentarsi alla Rappresentanza diplomatica italiana indicata dove sono presenti i familiari.

Riceverai inoltre una comunicazione scritta con il numero telefonico dello Sportello Unico al quale rivolgersi per fissare la successiva convocazione del familiare presso lo sportello per la richiesta del permesso di soggiorno, che deve essere fatta entro 8 giorni dall'ingresso in Italia.

2          RICHIEDERE IL VISTO

Il familiare residente all’estero con il quale richiedi il ricongiungimento deve presentarsi presso l’autorità consolare italiana nel paese di origine e di transito. L’obiettivo è far validare la certificazione che attesta il rapporto di parentela, matrimonio, minore età e ogni atto di stato civile necessario ai fini del ricongiungimento. Per la verifica dei requisiti relativi alle prove del legame familiare e dei documenti di viaggio presso l’Ambasciata italiana all’estero, ai rifugiati e alle persone in protezione sussidiaria si applicano gli stessi criteri previsti per gli stranieri in generale.

FONTI

DECRETO LEGISLATIVO 3 OTTOBRE 2008, n 160

Art. 28 comma 1 T.U. 286/98

Art. 22 del DLgs 251/07 “sulle qualifiche”

Art 5, comma 6 DL 286/98

Art. 29, comma 3 e Art. 30 T.U. 286/98  

D.lgs n. 5, 8 gennaio 2007, come emendato dal DLgs 160/2008

Decr. Minsanita' 5/7/1975 richiamato nella circolare n 7170 del 18/11/2009 del Ministero dell’Interno).

 

Seguici anche su
FB twitter youtube