LA CRISI AFGHANA

L’Italia ha evacuato da Kabul 3.350 cittadini afghani, 2.247 negli ultimi 10 giorni, di cui 667 bambini e 547 donne (dati del Ministero della Difesa al 23 agosto). È fondamentale continuare a lavorare affinché il maggior numero di persone bisognose di protezione possa trovare un ingresso sicuro in Italia e in Europa. Ci preoccupa molto l’avvicinarsi del 31 agosto, data dopo la quale non abbiamo alcuna certezza di quanto accadrà sul territorio e a quanti non siamo riusciti a portare in salvo.
Purtroppo, anche se i riflettori si spegneranno, l’emergenza umanitaria continuerà. In Afghanistan, innanzitutto, e nei Paesi di primo asilo, Iran e Pakistan, che da decenni accolgono milioni di cittadini afgani.
L’Italia, i Paesi dell’Unione Europea e la Comunità Internazionale hanno il dovere di dare adeguate risposte in termini di sostegno al popolo afgano, protezione, accoglienza e integrazione.

APPROFONDIMENTI

LE INFOGRAFICHE